fbpx

La storia del prestito su pegno e dei prestiti collaterali


This post is also available in: English (Inglese) Français (Francese) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Español (Spagnolo)

La storia dell’intermediazione su pegno e prestiti collaterali abbraccia un periodo di oltre 3.000 anni, con i primi banchi di pegno aperti in Cina per fornire accesso al credito a breve termine a lavoratori e contadini a bassa retribuzione. Anche i banchi dei pegni erano una vista familiare ai cittadini dell’antica Grecia e dell’Impero Romano; infatti la parola pedone deriva dalla parola latina “patinum” che significa pegno. Nel corso dei secoli chiunque avesse bisogno di contanti veloci e oggetti di valore per fungere da sicurezza è stato in grado di accedere ai servizi di banco dei pegni per scambiare i propri oggetti di valore con anticipi di prestiti in contanti, con tassi di interesse addebitabili. Proprio come oggi, se i clienti non sono riusciti a rimborsare i loro prestiti, più gli interessi, il prestatore di pegni ha trattenuto la merce per venderla o metterla all’asta a un altro acquirente.
Il prestito collaterale – o prestito su pegno – è una delle professioni più antiche del mondo ed è in circolazione in una forma o nell’altra da secoli. Dal 5 th Dal secolo cinese ai giorni nostri, le persone hanno utilizzato gli oggetti come garanzia per un prestito per secoli. Le persone con elementi di valore da utilizzare come garanzia sono stati in grado di garantire prestiti contro elementi al loro valore monetario per secoli. A New Bond Street Pawnbrokers, siamo un moderno banco dei pegni, ma ci teniamo a conoscere la nostra storia. Ecco la storia completa del prestito collaterale, dai primi giorni fino ai giorni nostri.

Origini cinesi

collateral lending

Le prime agenzie di pegno al mondo apparvero nei monasteri buddisti cinesi durante il 5 th Century, di proprietà e gestito da monaci. A volte, queste iniziative imprenditoriali venivano organizzate da ricchi privati come una joint venture con i monasteri, poiché i monasteri a volte erano esenti dalle tasse. Sebbene questi siano i primi esempi registrati di banchi dei pegni, è del tutto possibile che il banco dei pegni esistesse in una forma o nell’altra molto prima di questo periodo.

Prestazioni su pegno in Europa

collateral lending

Il prestito su pegno raggiunse l’Europa quando l’Impero Romano era all’apice dei suoi poteri. L’influenza dell’Impero sul banco dei pegni moderno non può essere sottovalutata; molte delle leggi moderne che governano il settore del prestito su pegno hanno le loro radici nelle antiche leggi romane. Tuttavia, questo non vuol dire che le leggi dei romani siano state copiate alla lettera. Nell’impero romano c’erano regole rigide su ciò che si poteva e non si poteva portare a un prestatore di pegni da usare come garanzia contro un prestito, che erano scritte nella legge. Indumenti, mobili e attrezzature agricole non potevano essere usati come garanzia. Questa regola non si applica al moderno banco dei pegni e, in effetti, i mobili antichi tendono ad essere una scelta comune per le persone che impegnano un oggetto a un banco dei pegni.

Credito su pegno e religione

Nei primi giorni del prestito su pegno, agli ebrei e ai cristiani era proibito prestare denaro e trarre profitto dal rimborso degli interessi. Sotto il giudaismo, l’addebito di interessi sui prestiti è classificato come uno dei peggiori peccati nel Libro di Ezechiele dell’Antico Testamento. Tuttavia, la Torah e il Talmud incoraggiano entrambi a prestare denaro e beni ad altri ebrei, purché non vengano addebitati interessi. Tuttavia, i prestiti fruttiferi di interessi da parte di ebrei a persone non ebree non erano vietati. Ai cristiani era anche proibito fornire prestiti fruttiferi e anticipi di cassa fino al tempo della Riforma protestante, sebbene ci fossero molti casi in cui questo divieto biblico fu ignorato. Alla chiesa francescana, infatti, è stato permesso di praticare l’usura per dare aiuto ai poveri.

Il prestito su pegno in epoca medievale

Nella sua forma originale, “monts de piete” era una forma di prestito su pegno di base istituita dai papi romani per prestare denaro ai poveri e questi prestiti non avrebbero fruttato alcun interesse e sarebbero stati coperti dal valore delle promesse, come vestiti o attrezzature. Ovviamente, gli stabilimenti originali costano denaro per funzionare e non hanno realizzato alcun profitto, quindi è diventato più comune addebitare interessi sui prestiti per coprire spese e costi operativi. Dalle sue umili radici in Italia, il banco dei pegni che addebita gli interessi sui prestiti iniziò a diffondersi in tutta Europa. Entro l’anno 1622 vennero aperti banchi di pegno a Gand, Amsterdam e Bruxelles e la maggior parte delle principali città europee seguì presto questa tendenza.

Italia medievale

collateral lending

Lo sviluppo del prestito collaterale come lo conosciamo oggi è stato notevolmente accelerato nell’Italia medievale, dove i mercanti della regione Lombardia – molti dei quali legati alla ricca famiglia Medici – hanno contribuito a diffondere la pratica in tutta Europa. Ai mercanti lombardi è inoltre attribuita la creazione del simbolo del banco dei pegni di tre palle d’oro – originariamente tre monete d’oro – che veniva appeso all’esterno delle loro botteghe. Oggi si è evoluto nel segno riconosciuto a livello mondiale del banco dei pegni.

In questo momento la pratica era controversa, ma nel 16 th Secolo, Papa Leone X dichiarò che il banco dei pegni era una professione legalmente riconosciuta in tutta l’Europa cattolica, e che chiunque ne avesse messo in dubbio la legalità o la moralità poteva essere scomunicato. Questa sentenza ha assicurato che la pratica del banco su pegno fosse radicata nel tessuto della vita finanziaria europea per gli anni a venire.

I Longobardi



Le origini dell’attività bancaria lombarda derivano anche dagli originali mediatori di banco dei pegni “monts de piete” e hanno avuto inizio nella ricca regione lombarda d’Italia. Le agenzie di pegno divennero note come Lombardi in tutta l’Europa continentale e nel Regno Unito ed è ancora possibile trovare Lombard Street e Lombard Alleys nelle principali città del mondo, a significare che un tempo erano il luogo di importanti banchi dei pegni. Le pratiche di credito lombard sono ancora oggi pertinenti e la maggior parte delle principali banche presterà contro titoli negoziabili utilizzando le proprie procedure di prestito garantito. Le tre palline d’oro che simboleggiano i prestatori di pegno erano originariamente un simbolo dei banchi dei pegni lombardi e della famiglia Medici di Firenze, ma ora sono diventati sinonimo di prestatori di pegno in tutto il mondo.

Gran Bretagna medievale

collateral lending

Il concetto di prestito collaterale arrivò in Gran Bretagna durante l’invasione normanna del 1066, ma fu solo dopo l’arrivo dei mercanti lombardi che la popolarità della pratica crebbe. I mercanti lombardi avevano alcuni clienti di alto profilo durante il Medioevo, tra cui Edoardo III ed Enrico V, che entrambi impegnarono manufatti reali per finanziare le loro guerre con la Francia. I mercanti lombardi affrontarono molti sospetti da parte delle classi dominanti e della gente comune, ma la loro popolarità crebbe e crebbe durante questo periodo al punto che divennero una parte consolidata del settore finanziario di Londra. Infatti, i mercanti hanno lasciato un tale impatto sulla City di Londra che una strada è stata intitolata a loro; Lombard Street.

Nel Regno Unito, agenzie di pegno necessario per ottenere la licenza dall’anno 1785 in poi. La licenza di un banco dei pegni costa £ 10 nell’area di Londra e £ 5 nelle province, con un tasso di interesse fisso ammissibile dello 0,5% mensile e una durata massima del prestito di un anno. La legislazione ha funzionato bene per 75 anni, soggetto ad alcune modifiche ai termini e alle condizioni, ma è stata ribaltata dalla legge sulle licenze del banco dei pegni del 1872, che ha incorporato molte delle leggi che ancora governano il banco dei pegni.

Oggi

collateral lending

Al giorno d’oggi, i prestiti collaterali sono un metodo ampiamente accettato che le persone usano per sbloccare il valore monetario dei loro oggetti di valore belle Arti o orologi . Nelle città di quasi tutti i paesi in Europa e nel mondo occidentale, il segno del banco dei pegni è visibile sulla strada principale e indica un luogo in cui i clienti possono ottenere prestiti collaterali contro i loro oggetti di valore.

Il ruolo nella storia del banco dei pegni per i ricchi e famosi


Ci sono molte storie di rottura dei pegni nella storia. Il re Edoardo III d’Inghilterra usava regolarmente i prestatori di pegno per finanziare il suo governo, notoriamente impegnando i suoi gioielli nell’anno 1388 per finanziare la guerra contro la Francia. Si dice anche che la regina Isabella di Spagna abbia impegnato i suoi gioielli per finanziare Cristoforo Colombo nelle sue spedizioni nel Nuovo Mondo. Carlo I d’Inghilterra creò la sua impresa bancaria lombarda per finanziare la sua guerra contro Oliver Cromwell, mentre Cromwell sciolse tutti gli stabilimenti dei banchi dei pegni quando divenne Lord Protettore d’Inghilterra. L’articolo 27 della Carta reale che istituisce la Banca d’Inghilterra nel 1694 descrive chiaramente un sistema bancario basato sui principi del pegno.

Nella nostra era moderna molti banchi dei pegni sono diventati depositi di storia, detenzione diamanti , preziosi oggetti d’antiquariato , gemme preziose , gioielli e complementi d’arredo tramandati di generazione in generazione.

 

Da dove viene il simbolo del banco dei pegni?

 

pawnbroker

 

La rinascita del banco dei pegni negli ultimi dieci anni significa che le tre palline d’oro distintive – il simbolo universale del banco dei pegni – sono di nuovo una vista comune nelle nostre strade principali. Il simbolo, mostrato sopra, è intrinsecamente legato alla regione italiana della Lombardia, così come la stessa industria del banco dei pegni.

Infatti, mentre il banco dei pegni esiste in qualche modo da oltre mille anni, l’ascesa dell’attività bancaria lombarda nel XV secolo porterebbe il banco dei pegni alla ribalta in tutte le principali città d’Europa. Tale era la loro influenza che molte città europee hanno ancora una strada che prende il nome dallo studio, come Lombard Street, situata nella City di Londra.

Perché il simbolo ha tre sfere dorate?

I banchieri lombardi nella regione italiana della Lombardia e oltre erano noti per appendere il simbolo riconoscibile fuori dai loro locali per segnalarli ai potenziali clienti. Una teoria popolare è che il simbolo fosse inizialmente tre monete d’oro – un riferimento diretto al loro commercio – ma in seguito è stato cambiato in sfere per renderlo più facile da vedere.

L’influenza della famiglia Medici

Un’altra teoria sulla creazione del simbolo dei prestatori di pegno è stata attribuita alla famiglia Medici. L’influenza della famiglia non può essere sottovalutata: alcuni sostengono che fosse la famiglia più ricca d’Europa al suo apice e usavano quella ricchezza per acquistare influenza politica. Una famiglia che ha fatto fortuna con il settore bancario, diversi prestatori di pegno a Firenze hanno contribuito alla loro ricchezza.

Alcuni sostengono che il simbolo fosse un adattamento dello stemma di Casa Medici, che conteneva un certo numero di sfere. Le tre sfere più basse, che puoi vedere sulla cresta sottostante, sono nella stessa formazione di quelle del moderno simbolo del banco dei pegni.

Coat_of_arms_of_the_House_of_de'_Medici

 

L’argomento sostiene che l’influenza dei Medici sul settore bancario ha fatto sì che una parte del loro stemma diventasse sinonimo dell’industria finanziaria in generale, prima di essere associata esclusivamente al banco dei pegni. È un argomento convincente, dopo tutto House Medici gestiva la Banca Medici, che per lungo tempo è stata l’istituto finanziario più ricco e rispettato d’Europa.

Influente ai giorni nostri

Qualunque sia la verità, l’ampia influenza finanziaria della famiglia Medici ha fatto sì che il simbolo utilizzato nell’Italia medievale e rinascimentale rimanga fino ad oggi. È certamente vero che le origini del simbolo sono profondamente radicate nella storia finanziaria della ricca regione italiana della Lombardia. In effetti, la ricca storia della regione è continuata fino ai giorni nostri: rimane la regione più ricca e popolosa d’Italia.

Gli storici sono riusciti a far risalire le origini del simbolo alla Lombardia medievale e la famiglia Medici ha chiaramente giocato un ruolo importante, ma i dettagli più fini sono più aperti alla discussione. Quindi, fondamentalmente, la giuria è fuori.

Modernizzare il simbolo

Come per tutta la storia, ci sono diverse teorie sulle origini del commercio di pegno. Una cosa è certa, però; l’industria sta attualmente subendo una rinascita e il simbolo si sta evolvendo insieme ad esso.

A New Bond Street Pawnbrokers, abbiamo optato per una versione leggermente più minimalista del design tradizionale, pubblicizzando chiaramente che siamo un banco dei pegni in modo discreto e raffinato. Con l’evoluzione del settore, anche il simbolo si evolve. Dai uno sguardo di seguito:

NBSP

 

Spiegazione del prestito collaterale

 

La garanzia è una risorsa che aiuta una persona o un’azienda a garantire un prestito contro beni di lusso come antiquariato , buon vino , borse di lusso , auto classiche , o libri rari . Quando il denaro viene preso in prestito, viene stipulato un accordo (spesso in caratteri piccoli) che il prestatore può prendere qualcosa dalla persona che ha contratto il prestito e venderlo per recuperare i propri soldi, se c’è un chiaro fallimento nel effettuare i rimborsi come concordato nel contratto. Le garanzie spesso aumentano le possibilità di ottenere un prestito più grande e anche le possibilità di approvazione se ottenere un prestito si sta rivelando difficile.

Una costituzione in pegno di una garanzia consente al prestatore di sentirsi come se si stesse assumendo un rischio minore, e quindi è probabile che ci sia un tasso migliore per il prestito. Continua a leggere per saperne di più sul prestito collaterale.


Come funziona il prestito collaterale?

collateral lending
La garanzia è spesso un requisito quando il prestatore ha bisogno di ulteriori garanzie di non perdere tutti i suoi soldi concedendo un prestito. Se un bene viene dato in pegno come garanzia, al prestatore viene concesso il diritto di agire se il cliente non riesce a tenere il passo con i pagamenti concordati sul prestito. L’azione che intraprendono consiste nel sequestrare l’attività che è stata impegnata come garanzia, venderla e utilizzare i proventi della vendita per estinguere completamente il prestito.

Il processo generalmente è il seguente:

1. La scelta di un elemento per la garanzia
2. Valutazione delle attività da costituire in garanzia
3. L’offerta di prestito è fatta sulla base della valutazione
4. Accettazione del prestito, in base al quale viene redatto un contratto con tutti i termini e le condizioni e la garanzia è presa in carico dal prestatore.
5. Periodo di prestito, in cui spendi i soldi come preferisci e segui il programma di rimborso concordato nel contratto.
6. Fine del periodo di prestito, in cui il tuo bene collaterale verrà restituito se hai saldato completamente il debito. Potresti voler negoziare un’estensione del prestito, se necessario.

Un prestito collaterale contrasta con un prestito non garantito, in cui gli unici poteri che un prestatore avrà se non riesci a effettuare i rimborsi è contro il tuo rating di credito e / o intentare un’azione legale contro di te.

Innanzitutto, gli istituti di credito preferiranno sempre recuperare il loro investimento quando approveranno un prestito. Non è mai il loro desiderio forzare procedimenti legali a portata di mano, quindi spesso cercheranno di coinvolgere le garanzie come misura di sicurezza nel caso in cui le cose vadano male. Idealmente, preferiscono anche non dover seguire la strada del sequestro della tua garanzia – i loro meccanismi di business principali non coinvolgono la proprietà, l’affitto e la vendita di proprietà – ma spesso questo risulta essere il bene più semplice e conveniente da proteggere il loro investimento.

Cosa può essere utilizzato come garanzia?

collateral lending
Qualsiasi bene che il prestatore sceglie di accettare come garanzia e che è consentito dalla legge, può essere dato in pegno. Come regola generale, gli istituti di credito preferiranno sempre accettare beni semplici da valutare e trasformarsi in denaro se le circostanze lo richiedono. In questa linea di pensiero, il denaro depositato in un conto di risparmio è molto interessante come garanzia, perché il suo valore è definitivo ed è molto facile da raccogliere. Alcune altre forme comuni di garanzia includono quanto segue:

– Proprietà (inclusa l’equità in una casa)
– Automobili
– Conti in contanti (di solito i conti pensionistici non sono inclusi in questo, ma ci sono delle eccezioni)
– Investimenti
– Ferramenta e macchinari
– Oggetti di valore, collezionismo e antiquariato
– Polizze assicurative
– Pagamenti futuri da clienti, noti anche come crediti

Anche nel caso di ottenere un prestito aziendale, un individuo potrebbe impegnare i propri beni personali (come una casa di famiglia) come parte di una garanzia personale con il proprio prestatore.

Valutazione dei tuoi beni

collateral lending

In generale, il prestatore ti offrirà un prestito inferiore al valore del bene che hai promesso. Alcuni beni potrebbero avere forti sconti applicati al loro valore. Questo per migliorare le loro possibilità di riottenere tutto il loro denaro nel caso in cui l’attività impegnata come garanzia diminuisca di valore.

Durante la negoziazione di una richiesta di prestito, gli istituti di credito di solito citano un rapporto prestito / valore accettabile (LTV). Ciò significherebbe che se prendi in prestito contro il valore della tua casa, ad esempio, gli istituti di credito potrebbero specificare un LTV fino all’80%. Ciò significherebbe che se la tua proprietà vale £ 100.000, potresti prendere in prestito fino a £ 80.000.

Se il valore dei tuoi beni in pegno diminuisce, potresti dover dare in pegno ulteriori beni per mantenere un prestito collaterale. Allo stesso modo, rimani pienamente responsabile per il saldo residuo del tuo prestito, anche se il tuo prestatore sequestra i tuoi beni e li vende per un importo inferiore a quello che devi. L’istituto di credito può raccogliere eventuali carenze insolute intraprendendo un’azione legale, se necessario.

Tipi di prestito collaterale

collateral lending

I prestiti collaterali possono provenire da una varietà di luoghi. Vengono utilizzati per prestiti aziendali almeno tutte le volte che vengono utilizzati per prestiti personali. Molte nuove imprese, prive di una comprovata esperienza finanziaria, sono tenute a costituire garanzie collaterali che possono includere beni personali dei titolari delle imprese.

A volte, potresti impegnare la cosa che acquisti con un prestito come garanzia. Questo a volte è il caso delle assicurazioni sulla vita finanziate con premi; il creditore e l’assicuratore spesso collaborano per fornire simultaneamente una polizza e un prestito collaterale.

Una casa acquistata con finanziamento funziona in modo simile: la proprietà garantisce il prestito e il prestatore può sequestrare la proprietà se il piano di rimborso fallisce. Ci sono anche alcuni prestiti collaterali pensati per persone il cui rating del credito è basso. Questi prestiti sono spesso costosi da garantire e dovrebbero essere una misura di ultima istanza. Sono disponibili in molte forme e possono avere pesanti ripercussioni se non riesci a rimborsare.

New Bond Street Pawnbrokers si trova nel centro di Mayfair e fornisce prestiti su pegno riservati e prestiti collaterali su una varietà di collectables. Aiutiamo a fornire soluzioni finanziarie alla nostra clientela esclusiva e abbiamo una vasta esperienza nell’erogazione di prestiti a fronte di una serie di beni personali raffinati, come opere d’arte, gioielli preziosi e vini pregiati.



Be the first to add a comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*



Authorised and Regulated by the Financial Conduct Authority

Hey Google, talk to New Bond Street Pawnbrokers
Alexa, open New Bond Street Pawnbrokers
Visit our Facebook page to talk to our chatbot!
Download our Android app here!
020 7493 0385
Tweet us today to interact with our smart Twitter chatbot

2019 Store of the Year Award

Winner For Financial Services