fbpx

Breve storia dell’arte cinese delle dinastie Qin e Han


This post is also available in: English (Inglese) Français (Francese) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Español (Spagnolo)

Il nostro capo del dipartimento artistico di banco dei pegni premium New Bond Street Pawnbrokers, discute la storia delle dinastie Qin e Han e perché sono diventate così influenti sull’arte.

Chiedete a uno studente di storia cinese della più influente delle famose dinastie del paese, probabilmente sarebbe un litigio tra Qin e Han. Le due dinastie coprirono quattro secoli, dal 221 a.C. al 220 d.C., un’età dell’oro che è spesso vista come la radice di quella che sarebbe diventata la Cina moderna. Il periodo è rinomato per i progressi nella cultura, società, scienza, ingegneria e arte. Allora perché le persone parlano ancora delle dinastie Qin e Han fino ad oggi e che tipo di arte hanno prodotto?

Dinastia Qin

Nel 237 a.C., Ying Zheng – il re della regione di Qin – ottenne il pieno controllo dopo aver governato fino a quel momento sotto una reggenza per il suo regno. Da bambino era stato di cattivo umore e aggressivo, come re ha incanalato quell’aggressività in continue guerre negli stati circostanti. La guerra non era estranea alla regione, con fazioni costantemente in guerra per proteggere le proprie terre o per espandersi ulteriormente. Ying Zheng era interessato a quest’ultimo e nel 221 aC, solo 16 anni dopo, aveva completato il suo obiettivo di dominio regionale. Qin ora controllava gli stati di Han, Zhao, Wei, Chu e Yan, i loro leader rimossi e sostituiti dai lealisti di Qin.

Ying Zheng adottò il titolo di imperatore e così facendo divenne il primo imperatore di uno stato cinese unificato. La dinastia sarebbe durata solo 14 anni, con Ying Zheng che morì di veleno da mercurio dopo 11 anni e l’impero si sgretolò dopo altri tre anni.

Durante tutta la dinastia, durante quei 14 anni, i Qin completarono la Grande Muraglia cinese, proteggendo così il regno dagli attacchi. Hanno anche migliorato le infrastrutture, che a loro volta hanno migliorato l’economia, consentendo all’impero di raccogliere più tasse.

Inoltre, l’impero implementò una lingua scritta e parlata universale, nonché un sistema legale unificato e una moneta unica. Questo periodo della storia cinese non era noto per la sua arte grazie al fatto che l’impero era costantemente sul piede di guerra a questo punto, ma ciò non diminuisce il suo impatto sulle arti in seguito. Assicurando che i problemi di difesa, infrastrutture, economia, legge e ordine fiscale e linguaggio fossero tutti risolti, la dinastia Qin pose le basi per un periodo di espressione artistica.

Tuttavia, un’opera d’arte di questo periodo è famosa in tutto il mondo, l’Esercito di terracotta di Xi’an, che attira migliaia di turisti nella città cinese ogni anno.

dinastia Han

Quando lo stato di Han conquistò Qin, essenzialmente ereditarono l’impero di Ying Zheng. Con la minaccia immediata di invasione effettivamente rimossa, gli Han potevano concentrarsi sull’espansione del loro territorio e sulle attività in tempo di pace, come le arti. Il periodo è generalmente associato a scultura, ceramica, letteratura, poesia, dipinti, lavori in metallo, calligrafia e architettura, nonché armi e armature cerimoniali.

Gran parte della nostra comprensione dell’arte Han proviene dai luoghi di sepoltura; i membri dell’élite Han venivano spesso sepolti con grandi quantità di beni raffinati, tra cui l’arte. La ceramica sembra essere stata particolarmente importante nel processo funerario, con molte delle ceramiche Han conosciute scoperte nelle tombe. Gran parte dell’arte di questo periodo è incredibilmente decorata, con raffigurazioni di persone o oggetti tipici della tradizione cinese come un drago o una fenice.

 

Arte della dinastia Qin e Han nel mercato

Asian art sells for top dollar in 2017.

Negli ultimi anni, un forte mercato dell’arte cinese ha aumentato drasticamente i prezzi degli articoli Qin e Han. Questi articoli hanno naturalmente un mercato in gran parte del mondo sviluppato, ma una domanda crescente per loro nella stessa Cina è un fattore chiave dei prezzi. I recenti sviluppi economici in Cina hanno creato nuova ricchezza nel paese, il che significa che alcuni cinesi hanno un reddito disponibile sufficiente per raccoglierle artefatti .

Se esaminiamo le statistiche di mercato negli ultimi anni dipinti cinesi, giada opere d’arte – come sculture, mobili e porcellane sono aumentati di valore in modo sostanziale e dovremmo aspettarci che la tendenza continui per articoli di qualità con una forte provenienza. I risultati di un mercato azionario instabile in Cina lo scorso anno potrebbero aver avuto un effetto temporaneo sui prezzi e sulla partecipazione ai saldi dell’Asia Week, entrambi inferiori alle attese, ma non commettiamo errori; il mercato cinese è qui per restare.

Personalmente, sono particolarmente entusiasta della continua crescita del mercato dell’arte contemporanea cinese. È stato costantemente in crescita dalla metà degli anni 2000 e ha mostrato una crescita impressionante sul mercato mondiale negli ultimi due anni.

Se questo periodo di arte cinese ti interessa e nei prossimi due mesi ti ritrovi a New York City, ti consigliamo di visitare il Metropolitan Museum sulla Fifth Avenue per la loro mostra di opere d’arte dell’antica Cina. La mostra, in corso fino a metà luglio, contiene più di 160 opere d’arte delle dinastie Qin e Han.

Le agenzie di pegno di New Bond Street offrono credito istantaneo con scartoffie minime, oltre a consulenza specialistica. Alcuni dei tanti artisti che prestiamo contro molti artisti, moderni e contemporanei.



Be the first to add a comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*



Authorised and Regulated by the Financial Conduct Authority