fbpx

Tate Modern: la storia dietro un’icona


This post is also available in: English (Inglese) Français (Francese) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Español (Spagnolo)

Dei quattro principali siti della Tate, la Tate Modern è il più recente e, tuttavia, è spesso considerato il più iconico. Ospitato nell’ex centrale elettrica di Bankside, si trova direttamente di fronte alla Cattedrale di St Paul; un riflesso perfetto della diversità della grande arte.

Questa nozione di diversità risuona anche nelle sue mostre: la grande Turbine Hall della Tate Modern è nota per le sue installazioni concettuali mentre le sue gallerie al piano superiore accompagnano i visitatori attraverso l’affascinante storia di arte Moderna . L’edificio stesso è la più grande opera d’arte della galleria e svolge un ruolo chiave nel modo in cui le mostre si uniscono.

tate modern new bond street pawnbrokers

 

 

La storia architettonica della Tate Modern

Nel 1992, i Tate Trustees hanno iniziato la loro ricerca di una proposta architettonica per creare una nuova galleria di arte moderna e contemporanea internazionale. Doveva essere distinguibile dalla Tate Britain, che si trovava per strada a Millbank sin dal 1897; ma conservano l’aria di influenza per la quale la Tate Britain era diventata famosa.

Bankside Power Station è stata scelta come sito di questa nuova galleria. L’iconica ma sporca centrale elettrica era stata ridondante dal 1981, ma occupava lo skyline del Tamigi in modo tale che la sua forma aveva sempre superato la sua funzione. Fu lanciato un concorso: questo edificio defunto, grande quasi quanto l’Abbazia di Westminster, aveva bisogno di un nuovo scopo.

Il concorso di progettazione è stato vinto da una coppia di architetti svizzeri sotto il radar di nome Herzog e De Meuron. Per alcuni, la decisione è stata sconcertante. La comunità di architetti britannica era piena di visionari modernisti, tutti frustrati dalla mancanza di commissioni pubbliche di architettura.

Alla fine, la proposta di Herzog e De Meuron è stata scelta per la sua autenticità tanto quanto per il suo design. Di tutti i partecipanti, sembrava che si offrissero di “fare” il minimo. Mantenere gran parte del carattere originale dell’edificio è stato importante per la Tate Trustees, che ha risposto calorosamente alla combinazione di Herzog e De Meuron della sala delle turbine alta 35 metri come ingresso drammatico e della nuova funzione del locale caldaia come spazio della galleria .

Con una sovvenzione di 12 milioni di sterline in tasca, data dall’agenzia di rigenerazione dei partenariati inglesi, il sito fu acquistato e i lavori iniziarono nel 1996.

Quattro anni dopo, è esploso sulla scena culturale di Londra. Oggi è una delle 3 principali attrazioni turistiche del Regno Unito, quindi non sorprende che ogni anno porti 100 milioni di sterline all’economia londinese.

Questa influenza economica è il risultato diretto di mostre d’arte eccezionali e costantemente innovative.

 

tate modern new bond street pawnbrokers

 

La storia curatoriale della Tate Modern: mostre gratuite

Innumerevoli nomi famosi abbelliscono le pareti di questa galleria. Un vero giocatore del mondo, è sede di opere di Warhol , Lichenstein, Picasso, Matisse e Rothko.

Nel corso dei suoi 18 anni di storia, la galleria ha sempre esposto opere d’arte secondo temi e mai cronologia. Un pezzo realizzato nel 1900 potrebbe tranquillamente sedersi accanto a uno del 2018, purché tematicamente collegati. Questo approccio soggettivo alla cura significa che ci sono frequenti cambiamenti nelle esposizioni della Tate Modern. Ogni cinque anni circa, i suoi curatori aggiornano il modo in cui vengono presentate le opere d’arte.

 

andy warhol tate modern new bond street pawnbrokers

 

L’impiccagione iniziale si è svolta dal 2000 al 2006 e ha suddiviso le opere in:

• Storia / Memoria / Società
• Nudo / Azione / Corpo
• Paesaggio / Materia / Ambiente
• Natura morta / Oggetto / Vita reale

still life painting tate modern fine art new bond street pawnbrokers

 

Svelata nel 2006, la seconda sospensione si è concentrata sui momenti cruciali dell’arte del XX secolo. Ha fornito ai visitatori aree specifiche per:

• Gesti materiali
• Poesia e sogno
• Energia e processo
• Stati di flusso

matisse tate modern fine art new bond street pawnbrokers

 

Questo rehang è stato un successo clamoroso, quindi ci sono state meno modifiche sulla terza impiccagione nel 2012:

• Poesia e sogno
• Struttura e chiarezza
• Visioni trasformate
• Energia e processo
• Organizzare la scena

lichenstein the nurse tate modern

 

Nel giugno 2016, i curatori hanno riorganizzato le opere nelle seguenti categorie:

• Avvia visualizzazione
• Artista e società
• Nello studio
• Materiali e oggetti
• Reti multimediali
• Tra oggetto e architettura
• Performer e partecipante
• Città viventi

Ognuno dei rehang si è concentrato sul dialogo tra artisti. Una delle giustapposizioni più apprezzate è quella tra le ninfee di Claude Monet e Senza titolo di Mark Rothko. Sedendoli uno accanto all’altro, i visitatori possono apprezzare come due artisti mostrano la loro attrazione per la luce screziata e mutevole in un modo completamente diverso.

water lillies monet tate modern fine art

rothko untitled tate modern

 

Tate Modern: un dolce regalo da un mercante di zucchero

La visione di alcune delle migliori opere d’arte contemporanea del mondo alla Tate Modern è gratuita e dobbiamo ringraziare zucchero e filantropia per questo.

Henry Tate, un commerciante di zucchero del XIX secolo, ha donato per la prima volta 80.000 sterline e una vasta collezione di dipinti contemporanei al governo e, per procura, alle persone e ai visitatori del Regno Unito.

Ora, cinque milioni di persone visitano la Tate Modern ogni anno. A causa della donazione originale di Henry Tate, la diversità della grande arte, riflessa sia dall’edificio che dalle opere d’arte all’interno, è un’idea offerta a tutti.

Un giro banco dei pegni di belle arti a Mayfair offriamo credito immediato con un minimo di scartoffie, oltre a consulenza specialistica in tutto. Alcuni dei molti artisti contro cui prestiamo includono Andy Warhol , Bernard Buffet , Damien Hirst , David Hockney , Marc Chagall , Raoul Duffy , Sean Scully , Tom Wesselmann , Tracey Emin , Banksy , e Roy Lichtenstein per citarne solo alcuni.



Be the first to add a comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*



Authorised and Regulated by the Financial Conduct Authority

Hey Google, talk to New Bond Street Pawnbrokers
Alexa, open New Bond Street Pawnbrokers
Visit our Facebook page to talk to our chatbot!
Download our Android app here!
020 7493 0385
Tweet us today to interact with our smart Twitter chatbot

2019 Store of the Year Award

Winner For Financial Services