fbpx

Pablo Picasso: Alla luce del record dell’asta “Women Of Algiers”


This post is also available in: English (Inglese) Français (Francese) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Español (Spagnolo)

“Dipingere è il mestiere di un cieco. Dipinge non ciò che vede, ma ciò che sente, ciò che racconta a se stesso di ciò che ha visto”.

Pablo Picasso

 

2011-10-18-12pablopicasso1

Pablo Picasso

 

Prima del periodo di 1954 e 1963 Pablo Picasso aveva vissuto una lunga vita di espressione artistica, il suo lavoro si è continuamente evoluto durante il blu e rosa periodi. La sua successiva idea di cubismo sarebbe una testimonianza del suo genio di pittore che ha visto la creazione di reliquie dell’umanità trasudando un’atemporalità, rara ed eterea. Per coloro che simboleggiano un’acquisizione che non è a corto di assoluto, nel mondo di oggi – relativo a risorse e ricchezza – si sforzerà, si sacrificherà e metterà a nudo, tutto, per raccogliere ciò che la sua mano ha prodotto.

 

Un mediatore per il mondo

 

Le sue opere adornano sculture e edifici in tutta Barcellona, in Spagna, il paese che lo ha generato. Il suo ethos e la sua emozione sono ancora onnipresenti nella teoria dell’arte, dove scuole e college insegnano la sua sensibilità come mandato. Gli studiosi in seguito dedicano la loro vita allo studio e, naturalmente, a modo loro, emulando e negoziando il mondo – attraverso l’arte – come ha fatto lui. Mentre le guide turistiche pronunciano i suoi insegnamenti e mostrano le sue opere, le sue sculture si intrecciano con le opere di Dalì vicino alla spiaggia. Mentre il Museu Picasso rappresentano un’energia e un solido incapsulamento e immortalizzazione dei suoi pezzi.

Picasso - Barcelona

Fregi di Pablo Picasso, Piazza del Duomo, Barcellona, Catalogna, Spagna. Il Collegio degli Architetti della Catalogna.

 

Prime Example of Cubist Works

Pablo Picasso – ‘Guitarist’

 

 

Durante il periodo menzionato inizialmente Picasso tentò di produrre diverse variazioni di dipinti antichi, tra cui la rielaborazione di “Il pranzo sull’erba” di Edouard Manet, “La Meninas” di Diego Velazquez e Il ratto delle Sabine di Jocques-Louis David (1748-1825) . Il primo di questi lavori, però, è stato Eugene Delacroix’s (1798-1863) Women of Algiers (1834), Picasso ha prodotto 15 opere a base di olio in un periodo che viene descritto come un “periodo frenetico di attività” nell’inverno 1954-55.

 

Le donne di Algeri di Picasso vende per un record di 179,4 milioni di dollari (113,9 milioni di sterline) all’asta

 

Critico contemporaneo Étienne-Joseph-Théophile Thoré descritto l’originale Donne di Algeri con molta connessione emotiva e rispetto per l’artista. Ha descritto il dipinto dicendo:

“Questa è la vita tranquilla e contemplativa dell’Oriente … Senza dubbio queste donne hanno bevuto oppio o hashish. Senza dubbio si stanno illudendo interiormente con qualche sogno del Profeta; ma questo non influisce su nulla al di fuori di loro, tranne che per l’aria di profumo che circonda i loro corpi voluttuosi “ Teofilo Thore 19 th secolo.

Arte come merce

 

La successiva rivisitazione di Picasso di questo lavoro è stata recentemente venduta a Christies asta per $ 179,4 milioni (£ 113,9) . Ora questa vendita, sulla facciata mostra una grande venerazione per l’arte di fronte a loro. Tanto che sono disposti a spendere oltre 100 milioni di sterline per una singola opera d’arte, una somma che è un reddito disponibile riservato solo all’élite mondiale dei super ricchi, con denaro nato dall’oligarchia, dalla plutocrazia, dall’energia o da altri conglomerati globali che producono denaro. . Solleva domande artistiche in sé, perché, le persone con il massimo livello di ricchezza sono meritate di qualcosa che è nato enfaticamente il contrario. Di emozione di conflitto e di un uomo normale.

 

The Women Of Algiers

Le donne di Algeri: l’interpretazione di un classico di Picasso

 

 

celebrità dell’arte

 

Questa è la situazione dell’arte nel 21 st secolo. Pagheremo molto per qualcosa che ci parli emotivamente, in quanto esseri umani che negoziano una società sovra-popolata e ampiamente disuguale in cui viviamo. Come fa qualcosa di così puro a diventare così offuscato dal consumo capitalista e individualista, anzi questa è un’opinione riservata ai commentatori d’arte e culturali, non all’NBSP.

Tuttavia, una cosa può essere detta senza riserve. L’arte è un merce autonoma all’interno del mercato globale, che è coinvolto in tutti gli aspetti della celebrità (artisti come celebrità), lo scambio, l’uguaglianza e l’essenza stessa dell’arte, che è espressione delle emozioni umane.

 

PabloPicasso-Ambroise-Vollard-1915

Pablo Picasso – Ambroise Vollard 1915

 

 

Come esclama un giornalista, questo record potrebbe non essere infranto per un decennio, mentre riflette su alcune delle opere d’arte più costose dei nostri tempi digitali postmoderni. Proprio come quello di Piccaso Relazioni amorose speriamo che la vendita di arte sia abbondante, ma non ampiamente mercificata e sensazionalizzata fino a quando non dimentichiamo il significato dell’arte stessa e diventiamo noi stessi un’opera d’arte, che simboleggia perdita, errore, passività, avidità e distacco. Dopo tutto come un giornalista indipendente dice The Women of Algiers è ben lungi dall’essere il miglior lavoro di Picasso, è semplicemente e senza vergogna, fino a tattiche di pubbliche relazioni intelligenti, cosa ti dice del nostro mercato dell’arte moderna e dell’era digitale?

Nuove agenzie di pegno di Bond Street offerte prestiti contro l’art con scartoffie minime, oltre a consulenza specialistica in tutto.

Women_of_algiers_1834



Be the first to add a comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*



Authorised and Regulated by the Financial Conduct Authority