fbpx

Il legame indissolubile tra protesta e arte


This post is also available in: English (Inglese) Français (Francese) Deutsch (Tedesco) Português (Portoghese, Portogallo) Español (Spagnolo)

In gran parte della storia moderna, l’arte è stata un mezzo chiave di protesta contro l’ingiustizia e l’oppressione. A causa degli scopi dell’arte di protesta; per entrare in contatto con il pubblico e guidare il cambiamento sociale, spesso esiste al di fuori dei luoghi tipici in cui ti aspetteresti di trovare arte, come una galleria. Anziché, protesta art è più spesso visto per le strade e, più recentemente, su Internet e sui social media.

Nel Regno Unito, uno degli artisti di maggior successo del paese negli ultimi anni ha sempre avuto un messaggio politico dietro le sue opere. Banksy esplose sulla scena della street art a Bristol con una serie di stencil politicamente carichi, che presto iniziarono a spuntare nelle principali città del mondo. Forse il pezzo politicamente più carico di Banksy è stata la sua decorazione del controverso Cisgiordania muro che separa Israele e Palestina.

Nonostante ciò, il Regno Unito non è il paese più importante quando si tratta di arte politica. Di seguito, parlerò di tre paesi con una forte cultura dell’arte politica

Gli Stati Uniti

Protest art depicting Trump

In questi tempi di grande incertezza nel mondo occidentale, dove le vecchie istituzioni politiche sono scosse dal populismo della Brexit e di Donald Trump, potremmo vedere un aumento della quantità di arte di protesta. In effetti, dall’inaugurazione di Trump, le sue politiche draconiane sono proseguite immigrazione , e il suo controllo ferreo sulle informazioni che fluiscono dalla sua amministrazione hanno fatto temere che potesse attenuare i forti valori americani di libertà di espressione e libertà di parola. Alcuni commentatori arrivano addirittura a etichettare Trump come un “fascista”.

Abbiamo scritto in precedenza sull’arte che raffigura Trump prima della sua elezione, ed è chiaro che l’arte anti-Trump non sta rallentando ora che è il presidente.

Tuttavia, il fatto che la libertà di parola sia più sancita dalla legge in Occidente significa che l’arte di protesta è un atto meno radicale. Mentre alcune opere d’arte politica continuano ad essere famose e degne di nota, come il ritratto stencil di Shepard Fairey di Barack Obama intitolato ‘ Speranza , “l’arte di protesta più interessante si trova nei paesi con minori risultati sui diritti umani.

Russia

Protest artists Pussy Riot in Moscow's Red Square.

Gli artisti russi di protesta con più notorietà all’estero sono Pussy Riot , una band punk tutta al femminile formata a Mosca per protestare contro l’autoritarismo e il patriarcato in Russia. Piuttosto che esibirsi in locali di musica tradizionale, la band organizza esibizioni non autorizzate in spazi pubblici, vestita con passamontagna dai colori vivaci. La loro esibizione più famosa si è svolta nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, dove hanno protestato contro Vladimir Putin, che credono essere un dittatore. Le autorità li hanno rapidamente arrestati e hanno trascorso molto tempo in prigione per le loro azioni, alimentando ulteriormente la loro causa e i loro ideali.

A seguito dell’arresto di Pussy Riot, performer e attivista Petr Pavlensky ha risposto chiudendosi la bocca e in piedi davanti a una cattedrale di San Pietroburgo con in mano un cartello a sostegno della band. Negli anni successivi, Pavlensky si è affermato come un importante artista anti-governativo, facendo uso dell’autolesionismo per rappresentare l’oppressione dello stato russo.

Cina

Ai Weiwei's protest art depicting his incarceration.

L’artista di gran lunga più famoso che opera in Cina oggi, politico o meno, lo è Ai Weiwei , un nativo di Pechino le cui opere d’arte si scagliano contro l’oppressione e la censura del governo cinese. Weiwei è un’anomalia nella società cinese, in quanto se la cava regolarmente criticando il governo dove altri potrebbero non farlo. Tuttavia, il suo arresto e la successiva detenzione nel 2011 hanno dimostrato che non era invulnerabile e molti commentatori hanno notato che la sua incarcerazione potrebbe essere stata motivata politicamente.

All’indomani del suo arresto, molte delle opere di Weiwei hanno fatto riferimento all’arresto e alla sorveglianza da parte del governo di lui, e il suo lavoro è diventato in gran parte più politico di conseguenza. Attraverso la scultura e il documentario, Weiwei è diventato un critico critico del governo oppressivo del suo paese.

Come in Russia, l’arte di protesta realizzata in Cina porta con sé la minaccia dell’incarcerazione. È proprio questo autoritarismo che rende l’arte della protesta un atto così vitale e coraggioso. In questi tempi incerti, sarà interessante vedere come si svilupperà l’arte della protesta negli Stati Uniti e in Europa.

Nuove agenzie di pegno di Bond Street offre credito istantaneo con un minimo di scartoffie e consulenza specialistica in tutto il prestito contro processo artistico .



Be the first to add a comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*



Authorised and Regulated by the Financial Conduct Authority